mercoledì , Giugno 26 2019
Home / Americhe / WhatsApp vuole testare la funzione “Pagamenti” a Londra

WhatsApp vuole testare la funzione “Pagamenti” a Londra

Secondo alcune indiscrezioni, Facebook starebbe pensando di aprire una sede a Londra per testare la funzionePagamenti” di WhatsApp.

Che Facebook fosse da tempo interessato ad esplorare diverse e nuove strade per monetizzare attraverso la sua WhatsApp era ormai palese da tempo. Ma dopo l’acquisizione nel 2014, non ci sono stati molti sviluppi degni di essere presi in considerazione per raggiungere questo obiettivo.

Secondo alcuni, una buona possibilità per Facebook di monetizzare dal vastissimo utilizzo di WhatsApp, risiede nell’entrata nel mercato delle transazioni economiche digitali.
E sembra proprio questa la direzione intrapresa dalla società di Menlo Park, che pare stia organizzando un nuovo quartier generale a Londra, per lanciare il test della nuova funzione WhatsApp Pay.

In arrivo i pagamenti su WhatsApp anche in Europa?

Il primo a riferire l’indiscrezione è stato il Financial Times, confermata poi a Forbes proprio da uno dei vertici di WhatsApp.
Matthew Idema, Direttore Operativo di WhatsApp, ha dichiarato a Forbes quanto segue:

Siamo ansiosi di lavorare con alcuni dei migliori esperti tecnici di Londra e Dublino per portare WhatsApp nel suo secondo decennio. WhatsApp è un servizio veramente globale e questi team ci aiuteranno a fornire i pagamenti su WhatsApp e altre fantastiche funzionalità ai nostri utenti in tutto il mondo.

Del resto, una mossa di questo tipo era prevedibile dopo quanto detto da Zuckerberg nel corso dell’ultimo F8. Oltre alla rivoluzione per la privacy, Zuckerberg ha menzionato anche la volontà di semplificare il trasferimento di denaro tra le persone. Nella mente del CEO di Facebook, inviare denaro potrebbe essere facile come inviare una foto. E come realizzare tutto ciò se non attraverso una delle applicazioni di messaggistica più diffuse al mondo?
Tra le altre cose, oltre a contare su un bacino di utenza piuttosto notevole, WhatsApp è anche disponibile su diverse piattaforme, indipendentemente dalla marca o dal sistema operativo.

WhatsApp Pay è già in corso di sperimentazione in India, un altro mercato con una folta base di utenti WhatsApp come quello inglese, che supera di gran lunga quella degli Stati Uniti. Lo scorso anno sono infatti iniziati i test per gli utenti indiani di WhatsApp, che hanno potuto provare in anteprima la funzione dei pagamenti, con riscontri piuttosto positivi per l’azienda di Zuckerberg.

L’unico ostacolo è stato quello del mancato adeguamento alle norme della banca centrale indiana.

La funzione per i pagamenti tramite WhatsApp, nei piani della compagnia, dovrebbe essere lanciata in diversi paesi entro la fine di questo 2019. Nel frattempo, sono previste 100 nuove assunzioni di esperti che lavoreranno non solo allo sviluppo della funzione, ma anche all’aumento della sicurezza in WhatsApp e alla lotta contro lo spam.

Quando i pagamenti su WhatsApp vedranno la luce, e se ci saranno costi di transazione, non è ancora noto.

Maria Grazia Tecchia

Giornalista, blogger e content editor. Ha realizzato il sogno di coniugare le sue due più grandi passioni: la scrittura e la tecnologia. Esperta di comunicazione online, da anni realizza articoli per il web occupandosi della tecnologia a più livelli.

Leggi Anche

Wu Haiyan, chi è il capitano della Cina femminile di calcio

Carriera e curiosità su Wu Haiyan, chi è il capitano della Cina femminile di calcio, …