giovedì , Luglio 18 2019
Home / Europa / VisitBritain, nuova campagna in Europa

VisitBritain, nuova campagna in Europa

VisitBritain lancia una nuova campagna in tutta Europa per promuovere i viaggi estivi nel Regno Unito. La British Summer Campaign, per la quale sono state investite 850.000 sterline è stata lanciata in Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna, cinque dei 10 mercati più importanti del Regno Unito per numero di visite e spesa dei visitatori.La campagna digitale, che prende il via questa settimana, mette in luce ciò che rende la Gran Bretagna una meta imperdibile per l’estate, attraverso una serie di esperienze che, secondo una ricerca di VisitBritain, riflettono i gusti e le aspirazioni dei target europei di riferimento, identificati in base alle passioni e le motivazioni in fatto di viaggi.

Più di due terzi delle visite annuali turistiche del Regno Unito provengono dall’Europa, e la campagna è destinata ad aumentare la considerazione della Gran Bretagna come destinazione per le vacanze, promuovendo allo stesso tempo un messaggio di calorosa accoglienza.La creatività mette in evidenza la gastronomia, l’avventura all’aria aperta, la cultura e la musica per vivere al meglio l’estate con focus su Londra e le destinazioni servite da voli diretti dall’Europa tra cui Bristol, Edimburgo, Glasgow, Liverpool e Manchester per far crescere il turismo regionale e promuovere le economie locali.

Il Direttore Europa di VisitBritain, Robin Johnson, ha dichiarato:”Dai picnic nei nostri parchi e giardini ai drink sui divertenti rooftop, dai food e music festival nella campagna britannica alla vivacità di un evento Pride, i visitatori della Gran Bretagna quest’estate possono aspettarsi una ricchissima stravaganza culturale. “L’Europa è un mercato incredibilmente importante per VisitBritain. Le imprese turistiche nel Regno Unito accolgono circa 27 milioni di visite europee ogni anno. Con la promozione delle fantastiche esperienze che offre la Gran Bretagna durante l’estate, raccontando le storie di persone e luoghi e rinnovando il messaggio di benvenuto, desideriamo convertire l’aspirazione a visitare in prenotazioni effettive e ispirare i visitatori europei a scoprire di più, a viaggiare di più e a rimanere più a lungo.”La British Summer Campaign, della durata di sei settimane, terminerà i primi di agosto e si rivolge principalmente al segmento denominato da VisitBritain “buzzseeker”, ossia i visitatori in cerca di vacanze all’insegna dell’avventura e di esperienze autentiche, costellate di attività interessanti e uniche.

I contenuti si stanno diffondendo nei cinque mercati europei utilizzando un mix di cortometraggi, digital display banner e pubblicità sui social media. La British Summer Campaign è inoltre promossa attraverso i canali online e social di VisitBritain, tra cui un hub dedicato alla campagna – www.visitbritain.com/summer  – dove i viaggiatori possono accedere a informazioni specifiche sulla destinazione per prenotare un viaggio in Gran Bretagna.

Uno dei focus è quello di evidenziare le destinazioni meno esplorate e esperienze inedite, accanto a famosi monumenti e attrazioni iconiche di fama mondiale, per incrementare il turismo attraverso le nazioni e le regioni.

Gli italiani continuano a scalare la classifica dei Paesi chiave per il Turismo del Regno Unito, per la cultura contemporanea, le città vivaci, il patrimonio culturale, il ricco retaggio storico e gli sport. L’Italia è un mercato importante per VisitBritain, si trova infatti all’ottavo posto per le visite e al settimo per la spesa. Le ultime statistiche ufficiali mostrano che ci sono state 1,8 milioni di visite dall’Italia nel Regno Unito nel 2018, in aumento del 2% rispetto all’anno precedente, con una spesa di 784 milioni di sterline.

Il Turismo contribuisce con 127 miliardi di sterline all’anno all’economia del Regno Unito, creando posti di lavoro e stimolando la crescita economica in tutte le nazioni e regioni.

Leggi Anche

Più voli internazionali: da Olbia giro d’Europa in 59 tappe

OLBIA. Il giro d’Europa decollando da Olbia. I numeri record confermano il ruolo propulsivo del …