Home / Asia / Speciale difesa: accordo Oman-India, Marina indiana utilizzerà …
Speciale difesa: accordo Oman-India, Marina indiana utilizzerà ...

Speciale difesa: accordo Oman-India, Marina indiana utilizzerà …

Mascate, 13 feb 16:15 – (Agenzia Nova) – La Marina Militare dell’India potrà utilizzare le strutture portuali di Duqm, nell’Oman, grazie a un accordo sottoscritto dai due governi in occasione della visita a Mascate del primo ministro indiano, Narendra Modi, che si è conclusa ieri. Il porto sul Mar Arabico, di fatto, diventerà per l’India il punto di accesso all’Asia occidentale e all’Africa orientale, un’opportunità importante per Nuova Delhi in un momento in cui la Cina sta intensificando la sua presenza nell’Oceano Indiano. L’interesse indiano per Duqm, che si trova ad appena 40 minuti di volo da Mumbai, è legato proprio al crescente attivismo della Marina cinese nella regione, che ha aperto anche una base nel Gibuti.

Tra gli otto accordi e protocolli d’intesa firmati al termine dell’incontro tra Modi e il sultano Qabus bin Said al Said, c’è un memorandum siglato dai ministeri della Difesa dei due paesi, in base al quale le navi militari indiane potranno avvalersi del bacino di carenaggio e dei servizi del porto di Duqm. Un altro documento coinvolge due istituti di studi della difesa, l’indiano Institute for Defence Studies and Analyses e l’omanita National Defense College. I due paesi sono alleati di vecchia data nella lotta alla pirateria. Le rispettive Aeronautiche partecipano a esercitazioni congiunte. L’India, inoltre, fornisce fucili alle forze armate dell’Oman. Nuova Delhi sta anche considerando la possibilità di aprire impianti di produzione nel paese.

“Le due parti hanno concordato di potenziare la cooperazione per rafforzare la sicurezza marittima nelle regioni del Golfo e dell’Oceano Indiano, vitali per la sicurezza e la prosperità di entrambi i paesi”, sintetizza il comunicato congiunto. I leader di India e Oman hanno anche riconosciuto il terrorismo come “comune minaccia”, impegnandosi a lavorare insieme a livello bilaterale, regionale e globale per contrastarla. Hanno, inoltre, concordato di coordinare gli sforzi contro l’estremismo, la radicalizzazione e l’uso distorto della religione per incitare all’odio. Infine, hanno sottolineato la necessità di isolare i sostenitori del terrorismo ed esortato la comunità internazionale ad agire con urgenza.

L’Oman si colloca in una posizione strategica, a metà strada tra la costa indiana occidentale indiana e la costa africana orientale; la partnership col sultanato è importante per l’India per proiettarsi nell’area occidentale dell’Oceano Indiano (al tempo stesso Nuova Delhi fa affidamento anche sulla relazione strategica con la Francia). Il governo omanita sta sviluppando il porto di Dumq e la zona economica speciale di cui fa parte. Lo scalo offre l’opportunità di collegamenti con mercati in espansione del subcontinente indiano e dell’est dell’Africa, mentre le infrastrutture portuali dell’India occidentale e dell’Africa orientale sono perennemente congestionate.

L’accordo in materia di difesa con l’Oman si aggiunge a quello per il rafforzamento della cooperazione tra l’India e gli Emirati Arabi Uniti, altra tappa del viaggio in Medio Oriente di Modi. Anche in questo caso è stata posta particolare enfasi sulla sicurezza marittima. La principale novità, infatti, è l’annuncio per quest’anno dell’organizzazione della prima esercitazione navale congiunta: per la prima volta la Marina indiana si eserciterà nel Golfo Persico insieme a quella emiratina. Un altro punto forte è la collaborazione tra le istituzioni indiane e i centri internazionali antiterrorismo Sawab e Hedayah, entrambi con sede ad Abu Dhabi. (Res)

Leggi Anche

Volo Malaysia MH370, esperta: “Nessuna missione suicida. I piloti ...

Volo Malaysia MH370, esperta: “Nessuna missione suicida. I piloti …

AMSTERDAM – Dietro la sciagura dell’aereo MH370 della Malaysia Airlines scomparso sull’Oceano Indiano nel marzo del 2014 con …