mercoledì , Luglio 17 2019
Home / Americhe / Ocasio-Cortez litiga con un superstite dell’Olocausto

Ocasio-Cortez litiga con un superstite dell’Olocausto

Ennesima figuraccia per Alexandria Ocasio-Cortez, che questa volta fa arrabbiare persino i superstiti dell’Olocausto. Durante una diretta su Instagram, la giovane deputata di New York ha svilito l’Olocausto paragonando l’annientamento di sei milioni di ebrei nei campi di concentramento di Hitler in Europa con i centri di detenzione per migranti sul confine UsaMessico. “Gli Stati Uniti stanno gestendo i campi di concentramento sul nostro confine meridionale, ed è esattamente quello che sono”, ha detto, sottolineando che quella di Trump è “un’amministrazione fascista” e facendo un paragone assurdo e improprio con l’Olocausto.

A replicare alle parole di Alexandria Ocasio-Cortez è Edward Mosberg, 93 anni, sopravvisuto dell’Olocausto nato in Polonia, che ha invitato la deputata a visitare i campi di concentramento dei nazisti per ripassare un po’ la storia. “Una visita – ha spiegato l’anziano ebreo – che dovrebbe essere obbligatoria per ogni parlamentare americano”. A quel punto Steve King, un deputato repubblicano dall’Iowa, ha invitato Ocasio-Cortez ad accettare l’invito di Mosberg: “Ho visitato Auschwitz ed è stata un’esperienza molto profonda: ti prego di accettare il loro invito” ha sottolineato King. La replica della “stella” nascente dei dem, tuttavia, ha lasciato tutti a bocca aperta. Su Twitter, la deputata ha declinato l’invito: “L’ultima volta che siete partiti per un viaggio del genere vi siete incontrati con gruppi neonazisti austriaci per uno scambio di vedute. Quindi dovrò declinare l’ offerta. Ma grazie per aver rivelato a tutti quanto l’estrema destra manipoli questi momenti per tornaconto politico” ha sottolineato Ocasio-Cortez.

La 29enne deputata era stata invitata anche dall’associazione From the Dephts, che organizza tour nei cambi di concentramento dei nazisti: “Noi di From The Depths abbiamo portato oltre 100 parlamentari internazionali a visitare i campi di concentramento e sterminio nazisti tedeschi, parlamentari di tutto lo spettro politico, inclusi 20 rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti, sia repubblicani che democratici” spiegano nell’invito. “From The Depths è l’unica fondazione che si occupa della memoria dell’Olocausto, memoria e istruzione gestita interamente da millennials, riteniamo che questa sarebbe una grande opportunità per lei per saperne di più su questo orrendo passato, e capire come esso influisce sulla vita e l’educazione fino ad oggi”.

Nel frattempo, il New York Times, nel fine settimana, ha pubblicato un annuncio a tutta pagina intitolato “Alexandria Ocasio-Cortez, stop alla dissacrazione dell’Olocausto“. L’annuncio, sponsorizzato dal rabbino Shmuley Boteach e dalla sua rete The Values ​​Network, presenta un’immagine dei prigionieri dei campi di concentramento ebrei e un’immagine della deputata, con una didascalia eloquente: “Sei milioni di ebrei furono assassinati nei campi di concentramento della Germania nazista. Paragonando gli Stati Uniti al Terzo Reich, Alexandria Ocasio-Cortez disonora la loro memoria, il nostro Paese e sé stessa”. Boteach ha rincarato la dose contro la deputata in un articolo pubblicato sul Jerusalem Post: “Un paragone vile – ha sottolineato il rabbino – la comunità ebraica si sente violata e offesa ed è impegnata a difendere la memoria di sei milioni di persone che non possono parlare”.

La reazione di Alexandria Ocasio-Cortez ha sconcertato anche lo stesso Edward Mosberg: “Ho 93 anni e come la maggior parte degli altri sopravvissuti non potrò continuare a fare questi viaggi ancora a lungo”. Per la deputata dem è l’ennesima e imperdonabile gaffe.

Leggi Anche

Video: JOAN THIELE – Le Vacanze

    COS’E’? Newsic è il portale dedicato al mondo della musica che abbraccia tutti i …