mercoledì , Aprile 24 2019
Home / Americhe / Morto Scott Walker, chi era: carriera e vita privata del cantante

Morto Scott Walker, chi era: carriera e vita privata del cantante

(Getty Images)

La scorsa notte è morto il cantante statunitense Scott Walker, scopriamo chi era: carriera e vita privata dell’artista che ha rivoluzionato il pop.

La scorsa notte è morto Scott Walker, frontman dei The Walker Brothers (una delle prime boy band della storia) e solista innovativo e impegnato. A darne il triste annuncio è stata la sua etichetta discografica, la 4AD, la quale però non ha condiviso informazioni sulla causa del decesso, preferendo ricordare chi è stato e per quale motivo è possibile considerarlo in pioniere del pop moderno. La notizia ha colpito moltissimi autori britannici che dalla sua musica avevano tratto ispirazione, tra questi c’è sicuramente Thom Yorke dei Radiohead che nelle scorse ore è stato uno dei primi a porgere i propri omaggi a Walker: “Mi ha mostrato come poter usare la mia voce e le mie parole”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale

Scott Walker, chi era: carriera e vita privata del cantante

Nato negli Stati Uniti 76 anni fa, Scott Walker si è trasferito in Gran Bretagna da giovanissimo e nel corso degli anni di attività musicale ha acquisito la cittadinanza inglese. La sua carriera professionale inizia come cantante dei The Walker Brothers, una boy band composta anche da John Maus e Gary Le. Ad inizi anni ’60, questa band ha raccolto un successo tale da rivaleggiare con i ‘Beatles‘ (almeno in UK), indimenticabili alcune loro canzoni come ‘Make it easy on yourself’ e ‘The sun ain’t gonna shine (Anymore)’. Il trio, però, non è riuscito a reggere la pressione della fama e dopo qualche anno si è sciolto.

Per Walker è stata l’occasione per fare emergere la propria musica, se con la band interpretava pezzi leggeri con un’impostazione classica, come solista Scott si è dato alla sperimentazione musicale ed ai testi impegnati. Sono usciti in rapida successione 5 album (intitolati tutti Scott e seguiti da numeri progressivi). La sua verve compositiva è durata fino a metà degli anni ’80, poi l’artista si è ritirato per un lungo periodo ed è tornato negli anni ’90 con un disco sperimentale in cui la voce ed i suoni si fondevano in maniera mai sentita prima (Tilt, edito nel 1995). Ha continuato a comporre fino allo scorso anno, il suo ultimo lavoro è la colonna sonora del film ‘VoxLux‘, uscito nelle sale a dicembre del 2018. Per quanto riguarda la sua vita privata, Scott era sposato con Beverly, aveva una figlia di nome Lee ed era nonno di Emma-Lee.

Leggi Anche

Alberto di Fabio tra infinitamente grande e infinitamente piccolo – Intervista a Margherita Ferri

“Quanti” di Alberto Di Fabio Inaugurazione al Rivellino il 2 maggio 2019 Arminio Sciolli, operatore culturale …