giovedì , Marzo 21 2019
Home / Europa / Montelupo – Tangeri sulle rotte della cultura e della condivisione – MET

Montelupo – Tangeri sulle rotte della cultura e della condivisione – MET

Facebook
Twitter

Comune di Montelupo Fiorentino
MontelupoTangeri sulle rotte della cultura e della condivisione
Il sindaco Masetti interviene in un convegno promosso dall’Institut supérieur International Tourism De Tanger ed avvia una relazione di scambi formativi e culturali

[+]ZOOM
Da sempre il Mediterraneo è terreno di scambio e di incontro.

Lo era nel Cinquecento quando la ceramica prodotta a Montelupo veniva esportata in tutti i paesi del mondo e lo è ancora oggi.

Il comune di Montelupo ha avviato uno scambio proficuo con la città di Tangeri.

Il sindaco Paolo Masetti è stato invitato da Adnan Afquir, direttore dell’Isitt (Institut supérieur International Tourism De Tanger) a relazionare in un convegno tenutosi venerdì 12 ottobre.

«Ho parlato davanti a una platea di studenti di 50 nazionalità diverse, provenienti dall’Africa, dall’Asia e dai paesi del bacino del Mediterraneo; una realtà unica che si colloca a metà strada fra una scuola superiore ed un’università. Abbiamo avuto modo di confrontarci sull’importanza degli scambi culturali e della conoscenza reciproca e questo incontro è stato, mi auguro, il punto di partenza di una relazione che vorremmo sviluppare nel tempo.

È nostra intenzione favorire degli stages formativi che consentano uno scambio culturale/lavorativo presso il nostro comune ma anche presso altre realtà turistiche del territorio che si renderanno disponibili. L’ISITT, da parte sua, è pronta ad ospitare studenti del nostro territorio che siano interessati a fare esperienza all’estero», afferma il sindaco Paolo Masetti e prosegue «Come rappresentante di una comunità, ma prima di tutto come uomo sono convinto che debbano essere promossi incontri e scambi fra persone e in questa prospettiva sicuramente, oltre agli scambi commerciali, dobbiamo valorizzare il turismo, non un turismo “mordi e fuggi” in cui i visitatori si fermano alla superficie delle cose, rimangono incantati da un luogo, da un palazzo, da un museo, ma “sperimentano” la vita del posto. La conoscenza reciproca è motore culturale e vero deterrente contro le derive populiste e razziste».

L’intervento al convegno è stato seguito da una serie di appuntamenti istituzionali con Mohammed Afkir, presidente del quartiere di Tanger-Medina (uno dei quartieri più popolosi e turistici con 250.000 abitanti), e poi con Said Abassi, direttore delegazione turismo della città.

«Ho trovato una città aperta e cosmopolita che vive un momento di grande crescita, anche industriale, e desiderosa di avviare scambi culturali, turistici e commerciali con altre realtà e sono certo che ci siano tutti i presupposti per avviare una proficua collaborazione», prosegue Masetti.

Il primo cittadino di Montelupo durante questo viaggio è stato anche nominato “Ambasciatore della pace” dal Presidente della “Moroccan Association of Ibn Battuta”, che si occupa di promozione di cultura del viaggio e scambi fra i popoli e mutua il nome da uno dei più illustri viaggiatori del mondo arabo, una sorta di Marco Polo Orientale.

«L’associazione promuove con cadenza biennale un festival dedicato al viaggio e all’arte e potrebbe essere interessante intessere collegamenti con le iniziative promosse a Montelupo e nel territorio dell’unione dei comuni empolese-valdelsa”.

Pino Cacucci scrive: “Le radici sono importanti nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove”. Un concetto che può essere esteso non solo al singolo individuo, ma ad una comunità. In questa prospettiva si collocano il viaggio a Tangeri e i progetti che avvieremo anche in raccordo con la politica di area dell’unione empolese-valdelsa».

18/10/2018 14.08
Comune di Montelupo Fiorentino

Leggi Anche

Arriva alla XXI edizione la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

La XXI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si svolgerà da giovedì 15 a …