domenica , agosto 19 2018
Home / Americhe / La prima auto in viaggio nel Sistema Solare si allontana dalla Terra
La prima auto in viaggio nel Sistema Solare si allontana dalla Terra

La prima auto in viaggio nel Sistema Solare si allontana dalla Terra

CAPE CANAVERAL – Telescopi pronti a salutare la Tesla spaziale in orbita intorno al Sole, negli ultimi giorni in cui è ancora visibile.

Attualmente l’auto rosso ciliegia, lanciata dalla Space X, si trova a 1,8 milioni di chilometri dalla Terra e continua ad allontanarsi alla velocità di 12’000 chilometri l’ora.

“«Attualmente l’auto brilla come una stella di magnitudine 18,5 e non è visibile a occhio nudo: per osservarla occorrono strumenti di almeno 40 centimetri di diametro, equipaggiati di telecamere specifiche per riprese di corpi celesti così deboli», ha rilevato l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope, che è stato tra i primi a fotografare l’auto spaziale.

Il Virtual Telescope la “inseguirà” in diretta, domani 14 febbraio, dal cielo degli Stati Uniti, grazie al collegamento con l’osservatorio Tenagra. «Vedremo un piccolo punto di luce muoversi tra le stelle: solo qualche pixel, ma dal significato senz’altro speciale» ha osservato l’astrofisico.

Astrofili e astronomi di tutto il mondo stanno provando in questi giorni a fotografare la prima auto in viaggio nel Sistema Solare, mentre si allontana dalla Terra.

Lanciata il 6 febbraio scorso con il razzo Falcon Heavy da Cape Canaveral, in Florida, la Tesla sta viaggiando intorno al Sole su un’orbita ellittica che la porterà un po’ oltre l’orbita di Marte e si allontana ogni giorno di più dalla Terra. Questi sono gli ultimi giorni, infatti, per osservarla prima che si allontani eccessivamente dal nostro pianeta e diventi molto debole ed impossibile da osservare.
 

Leggi Anche

Napoli – New York, il viaggio di tre uagliù oltre i pregiudizi e verso i ...

Napoli – New York, il viaggio di tre uagliù oltre i pregiudizi e verso i …

Tre ragazzi della periferia di Napoli. Tre uagliù e il grande sogno americano. Si chiamano Daniel, …