mercoledì , Maggio 22 2019
Home / Asia / Isola di Pasqua | in che stato si trova

Isola di Pasqua | in che stato si trova

L’Isola di Pasqua si trova in Cile ed è un’isola sperduta, nota come Rapa Nui, e scoperta nel 1722.

L’Isola di Pasqua è una piccola isola che si trova al largo delle coste del Cile. Il suo nome è Rapa Nui (significa grande roccia) ed è chiamata Isola di Pasqua perché è stata scoperta il giorno di Pasqua nel 1722 dall’esploratore Olandese Jacob Roggeveen. È uno dei luoghi più isolati al mondo ed è estremamente suggestiva. Prima di tutto per il suo territorio vulcanico e poi per le statue dei moai, sono dei busti monolitici sparsi sul territorio (163 km quadrati). Se ne contato 638.

Cosa fare in Cile: la crociera tra nevai e vulcani

Un viaggio alla scoperta dell’affascinante contraddizione del Cile, a bordo della motonave Skorpios alla scopera di fiordi e vulcani

L’Isola è caratterizzata da quattro vulcani, Poike, Rano Kau, Rano Raraku e Terevaka, ed è caratterizzata da animali selvaggi, soprattutto cavalli, ma anche pecore, mucche e maiali importati dalla terraferma. Rispetto alle altre isole del Pacifico, qui non c’è la barriera corallina, ma il mare è comunque meraviglioso ed è facile poter osservare la grande colonia di capodogli, che vive vicino alle coste indisturbata.

L’anno scorso l’Onu ha lanciato un importante allarme: questo piccolo pezzettino di terra sta per essere inghiottito dall’oceano. L’innalzamento del mare si sta mangiando la costa. Nel 2100 la «circonferenza» dell’isola sarà di 4 metri più piccola e le onde potrebbero quindi sommergere i moai più vicini al mare.

Come raggiungere l’Isola di Pasqua? Attualmente tutti i collegamenti per Rapa Nui passano da Santiago del Cile (anche se in alcuni periodi dell’anno si trovano dei voli anche da Tahiti, in Polinesia). Il periodo più umido, quello delle piogge, è aprile e maggio, con precipitazioni abbondanti anche da giugno ad agosto.

Leggi Anche

De André e il cibo, un omaggio del chitarrista Beppe Gambetta

Sarzana – Val di Magra – “Conservo la gioia di aver potuto chiedere a Fabrizio …