domenica , giugno 24 2018
Home / Caraibi / In Repubblica Dominicana: se non è il paradiso, gli somiglia …
In Repubblica Dominicana: se non è il paradiso, gli somiglia ...

In Repubblica Dominicana: se non è il paradiso, gli somiglia …

 

Sfoglia gallery

COME ANDARCI
Come arrivare: a meno di non avere in mente una crociera ai Caraibi, gli aeroporti internazionali sono sette. A Punta Cana si arriva da Milano con scalo a Miami (con American Airlines). Meridiana e Neos offrono voli diretti da Malpensa a La Romana. Per ogni informazione: godominicanrepublic.com. Per escursioni e trasferimenti, BD Travel. In barca o catamarano nei dintorni di Punta Cana si va con Cesarìo. Lo trovate nell’unico chioschetto di Playa Bibijagua, ma attenzione: quando lo chiamate, ponete l’accento al giusto posto. Ci tiene a non essere confuso con l’imperatore romano.

Dove dormire: Noi a Punta Cana abbiamo dormito al Barceló Bávaro Grand Resort (le foto nella gallery in alto), che affaccia direttamente su playa Bavàro, una delle 10 spiagge più belle al mondo. È preso dall’assalto dai nord-americani, mentre gli italiani scarseggiano. Un esempio? Il menù dei suoi sette ristoranti lo trovate in qualsiasi lingua, meno che in italiano. Si balla (merengue, ovviamente) a tutte le ore. Se lo scegliete in primavera, ricordatevi che troverete migliaia di universitari americani pronti a tutto per godersi lo spring-break. Poco distante c’è il Secrets Cap Cana: ha una piscina immensa, arriva fino in spiaggia. Al Royalton Bávaro Resort Spa ci sono tre gazebi per i  matrimoni, e Alexander è un insegnante di yoga eccezionale. Il Puntacana Resort Club realizza ogni desiderio: comprende due hotel (Tortuga Bay e The Westin Puntacana) nove ristoranti, una serie di ville, una riserva ecologica, un porto turistico, due campi da golf e l’aeroporto internazionale di Punta Cana. Il nostro preferito? Le 13 ville gialle in stile coloniale del Tortuga Bay, progettate da Oscar de la Renta, dove sono di casa Charlize Theron e i Clinton. Il prezzo base di una notte supera i 600 euro (e non in alta stagione), ma promette relax assoluto e benessere interiore (è l’unico AAA 5 Diamond resort del Paese). A Santo Domingo, invece, abbiamo fatto colazione nel (bellissimo) giardino interno del cittadino El Embajador. Qui la tradizione è piantare un albero di Natale all’anno. Se di Casa de Campo, a La Romana, vi abbiamo già raccontato il luogo più incredibile (l’Altos de Chavòn), all’interno dell’immenso resort da 2.833 ettari c’è anche un «cerchio zen», dove si medita scalzi. Dreams La Romana, nei dintorni di Bayahibe, è uno dei preferiti dagli europei. Ci si sposa (quasi) ogni giorno e il nostro consiglio è di indossare una maschera e fare un tuffo. La baia è riparata dal vento, la visibilità è una delle migliori dell’intero Paese.

Un po’ di numeri: «Has it all/Lo tiene todo/Ha tutto». Lo slogan ufficiale della Repubblica Dominicana lo mette in chiaro fin dall’inizio. E l’obiettivo del ministero del Turismo è quello di diversificare l’offerta il più possibile. Immensi resort all inclusive, bungalow green, fattorie locali; spiagge, foreste di mangrovie, città coloniali, campi da golf, gastronomia. I tempi solo dei cocktail da sorseggiare al tramonto sono finiti. E qui tutti sono ottimisti. «Nel primo trimestre 2018 sono arrivati 1.7 milioni di turisti, il 7,7 per cento in più rispetto al 2017, dove ne errano arrivati 6, 1 milioni», fa sapere Joel Santos, presidente dell’Asociacion de Hoteles y Turismo de la República Dominicana (ASONAHORES), durante l’ultimo DATE, il Dominican Annual Tourism Exchange, organizzato a Punta Cana. «Il dominicano è fatto per il turismo», aggiunge il viceministro Fausto Fernandez, «Il tasso d’occupazione è dell’85, 7 per cento». Il futuro dell’isola, dicono, non può guardare da nessun’altra parte.

More

Mangiar Bene

Come nasce il Parmigiano Reggiano (e dove trovare il migliore)

Tempo libero

Kayak, SUP, snorkeling: tutti pazzi per gli sport acquatici

Novità

MSC Seaview: benvenuti sulla nave dei record

Leggi Anche

'Un mare di comics', a Marina di Castagneto: tre giorni di fumetti e ...

‘Un mare di comics’, a Marina di Castagneto: tre giorni di fumetti e …

‘Un mare di comics’, a Marina di Castagneto tre giorni di fumetti e cosplay Al …