venerdì , Aprile 19 2019
Home / Europa / In ascesa Bit 2019: in tanti anche martedi giorno di chiusura. Si ipotizza il ritorno a Rho. Intervista ad alcuni protagonisti del territorio

In ascesa Bit 2019: in tanti anche martedi giorno di chiusura. Si ipotizza il ritorno a Rho. Intervista ad alcuni protagonisti del territorio

Aumentano i visitatori a Bit 2019, la Borsa internazionale del Turismo, al punto che qualcuno degli operatori immaginano un ritorno al Polo Fieristico Rho-Pero. Noi l’abbiamo visitata anche martedi e di visitatori ancora tanti!

Milano – Legnano – E’ presto per fare un bilancio, ma dopo la visita di domenica, lunedi e martedi di alcuni nostri colleghi, che hanno verificato la crescita di presenza alla Bit 2019, immaginare uno spazio più adeguato diverso da MilanoCity, non è irragionevole.

Dai nostri osservatori , gli elementi vincenti restano la rete. Lo abbiamo visto negli stand Italia, pian terreno dove sono state rappresentate tutte le regioni, con le loro diversità che fanno del Belpaese il sogno di tanti stranieri ed anche di molti italiani (il turismo “domestico” cresce a due cifre), ma anche al primo piano dove a volte gli stand stranieri venivano un po’ sovrapposti.

Ci siamo soffermati in Lombardia, anche per la nostra mission di valorizzare le eccellenze dell’asse del Sempione, ma abbiamo apprezzato altre regioni: interessente gli investimenti della Regione Sicilia (dirimpettai della Lombardia), della Puglia ( da sempre molto “gettonato”) e della Calabria. Nella norma le altre regioni. Interessante gli sforzi di alcuni stati stranieri, salendo al primo piano – estero, dei paesi che si affacciano sul mediterraneo e emergenti. Esempi sono l’Algeria, la Tunisia, la Giordania, La Grecia. Spostandoci l’Iran che farà a febbraio un grande evento con l’Italia(abbiamo stessi ideali e colori nella bandiera) oppure La Malesia ( che sta facendo molto verso il turismo “naturale e green” con i suoi parchi e la fauna) e la Romania sempre più vicina. Solo quali esempio.

Ritornando all’Italia presso lo stand Lombardia, interessante le aree con le 14 province ma anche esempi virtuosi. Uno di questi, lo stand dell’Abbiatense-Magentino che ormai da tredici anni, si presenta alla Bit. Ne abbiamo parlato con il consigliere del Comune di Magenta Mele in qualità di portavoce. Mele ha affermato: “Vogliamo presentare la rete dell’abbiatense-magentino con le nostre eccellenze culturali  ed enogastronomiche. In particolare oltre ai prodotti del Consorzio dei Comuni del Naviglio, come il pesce azzurro, miele, quest’anno abbiamo portato anche il “riso di Magenta” fatto da una realtà storica che si presenta qui con la giovane Lucrezia”. Lucrezia, decisa dichiara “Con la mia famiglia coltiviamo da sempre il riso a secco. Una novità che abbiamo portato qua”.

Un salto doveroso alla nostra seconda provincia, ovvero Varese. Qui, come sempre , siamo stati accolti e ci hanno motivati perchè venire a Varese e provincia: “Perchè in una provincia piccola abbiamo quattro siti patrimonio Unesco. Abbiniamo alle acque calme del lago di Varese-Schiranna alle dolci colline fino al Sacromonte con le sue 12 cappelle. Varese è anche città-giardino da sempre green. Vi aspettiamo!” 
Non ci stupisce la determinazione e ci piace il passaggio generazionale che è in atto ed alla Bit si percepisce…per intero!

Enzo Mari

Galleria fotografica

Enzo Mari ha da sempre tra la sue passioni principali la valorizzazione del territorio, tramite progetti ed idee volte al bene dell’asse del Sempione. Dopo le passate esperienze da direttore in altre testate dal 2016 è direttore del quotidiano online Sempione News.

Leggi Anche

Ginevra, 5 consigli utili per organizzare un weekend

COME ARRIVARE L’aeroporto internazionale di Ginevra si trova a soli 5 chilometri ed è collegato …