Home / Americhe / Ecommerce, a Natale viaggi e hi-tech sotto l’albero. Ma un …
Ecommerce, a Natale viaggi e hi-tech sotto l'albero. Ma un ...

Ecommerce, a Natale viaggi e hi-tech sotto l’albero. Ma un …

Una nuova indagine condotta tra Europa e Stati Uniti rivela che oltre il 45% dei consumatori teme di acquistare involontariamente prodotti contraffatti in rete. Uno su tre denuncia di essere stato già ingannato e di averne comprati.

 

Sono i dati relativi all’indagine MarkMonitor sugli acquisti online, “Global Online Shopping Survey 2017 — Counterfeiting Concerns”, che ha coinvolto quasi 3.500 persone, con il fine di realizzare una panoramica sulla contraffazione. Lo scopo dell’indagine è stato quella di valutare gli atteggiamenti e le esperienze online dei consumatori, su come agiscono acquistando sul web, se comprano consapevolmente prodotti contraffatti, quali canali prediligono e se si pongono problemi di sicurezza.

 

Nel 34% dei casi di prodotti contraffatti acquistati online, gli intervistati hanno dichiarato di essere stati frodati tra due e tre volte. Il 63% ha paura di comprare prodotti contraffatti soprattutto per i bambini. In Italia tale dato sale all’86%.

L’85% dei consumatori chiede ai brand di fare di più per contrastare il fenomeno, che lo ricordiamo nel 2016 ha consentito a gruppi di cyber criminali di guadagnare oltre 460 miliardi di dollari.

 

Nonostante questo, i consumatori rimangono fiduciosi nel mezzo internet e il 47% di loro continua a fare shopping online, il 56% via smartphone. Lo scorso anno gli acquisti online in Gran Bretagna hanno generato una spesa complessiva di 133 miliardi di sterline, negli USA 395 miliardi di dollari, con un balzo in avanti del 16% sul 2015.

 

Per quanto riguarda i consumatori italiani, in vista del Natale 2017, una nuova indagine di Speedvacanze.it ha rivelato che la gran parte spera di ricevere in dono soprattutto viaggi, indicati dal 21% del campione, regali tecnologici (19%), orologi, penne e gioielli (18%) e capi di abbigliamento e accessori (16%). Ma anche profumi (nominati dal 12% degli interpellati), libri e calendari (7%) e prodotti enogastronomici (4%).

 

Sempre più persone quindi fanno affidamento sulla tecnologia per acquistare regali, cibo e abbigliamento; infatti, secondo un altro studio condotto da Deloitte, l’83% dei consumatori quest’anno intende acquistare online spendendo circa 228 dollari in più a famiglia rispetto al 2016.

Secondo la ricerca di Kaspersky Lab però, a causa dei criminali informatici che prendono di mira i dispositivi, gli utenti rischiano di dover aggiungere un costo di 636 dollari alla spesa per lo shopping natalizio per il costo medio di recupero dei dati rubati o danneggiati.

 

Purtroppo, nonostante i pericoli e i potenziali rischi per i dati, la ricerca mostra che solo la metà dei consumatori effettua il backup dei propri dati e il 34% di loro ammette di non effettuare il backup online. Questo comportamento, nel peggiore dei casi, potrebbe lasciare molti consumatori al verde e senza la possibilità di accedere ai propri dati durante il periodo natalizio. Ma c’è un modo semplice per evitare questo problema: il backup regolare dei dati e l’introduzione di misure di sicurezza potenziate che garantirebbero ai consumatori tranquillità per tutto l’anno, assicurando la protezione delle informazioni.

Leggi Anche

Mosca da vedere in un week end

Mosca da vedere in un week end

Visitare una città di oltre 13 milioni di abitanti, con 12 linee della metro e …