lunedì , settembre 24 2018
Home / Africa / Botswana – Divieto di caccia agli elefanti. Il paese si interroga
Botswana – Divieto di caccia agli elefanti. Il paese si interroga

Botswana – Divieto di caccia agli elefanti. Il paese si interroga

Martedì il governo di Gaborone ha annunciato l’avvio di un mese di dibattiti pubblici per decidere se abolire il divieto di caccia agli elefanti introdotto nel 2014 con una legge voluta dall’expresidente Ian Khama. Tale normativa oggi viene rimessa in discussione da un’intensa campagna di lobbying in corso da qualche tempo all’interno del parlamento, come riporta Bloomberg.

Sempre più insistenti infatti le pressioni di coloro che vorrebbero fosse riaperta la caccia sportiva dei pachidermi per ridurne e controllarne la popolazione, che negli anni avrebbe raggiunto un numero tale da risultare “ingestibile”. Al momento quella del Botswana rappresenta la più grande popolazione al mondo di elefanti africani, formata da oltre 135 mila esemplari (un elefante ogni 18 cittadini). Un altro gruppo a favore dell’abolizione del divieto è quello degli agricoltori che, a loro dire, affronterebbero continui danni ai loro raccolti causati dai pachidermi.

Mentre Khama si era aveva dato priorità alla conservazione degli animali e dei loro habitat, tutto viene rimesso in discussione con il suo successore Mokgweetsi Masisi, al potere da cinque mesi. Quest’ultimo martedì ha lanciato le consultazioni incontrando per primi i ricercatori ambientali nella località di Maun. Località frequentata ogni anno da centinaia di migliaia di turisti che visitano il famoso parco del Delta dell’Okavango.

Nonostante il turismo rappresenti la seconda fonte di entrate di valuta estera del paese dell’Africa australe dopo i diamanti, molti pensano che legalizzare la caccia sportiva potrebbe portare nuovi ricavi economici. In Zimbabwe, che ospita la seconda più grande popolazione di elefanti al mondo, la caccia regolamentata è permessa e produce delle entrate.

Il problema divide l’opinione pubblica del Botswana e la scorsa settimana il gruppo Elephants Without Borders ha denunciato la morte di 87 elefanti uccisi dai bracconieri nel Delta. Come ricorda Times Live, Masisi e il suo esecutivo hanno però affermato che si fosse trattato di una notizia gonfiata, in vista della possibile riforma del divieto di caccia.

A causa del bracconaggio, la popolazione di elefanti africani è passata da 415mila esemplari a 111mila nell’ultima decade secondo l’International Union for Conservation of Nature.

Il rapporto finale delle consultazioni in botswana verrà consegnato all’esecutivo il mese prossimo.

Leggi Anche

Giornata mondiale del rinoceronte: il bracconaggio ne uccide uno ...

Giornata mondiale del rinoceronte: il bracconaggio ne uccide uno …

C’è una guerra invisibile che si combatte: è quella per il corno del rinoceronte. Nel …