mercoledì , Luglio 17 2019
Home / Africa / Archeologia: “Ultima cena di Pompei”, una mostra testimonia il buon e il bel vivere

Archeologia: “Ultima cena di Pompei”, una mostra testimonia il buon e il bel vivere

Quando la cenere del Vesuvio cominciò a piovere su Pompei nel 79 d.C., le persone all’interno e nei dintorni della città erano impegnate in attività tipiche italiane: mangiare, bere e produrre cibo. Situata nel soleggiato paradiso del sud Italia, Pompei era incastrata tra lussureggianti vigneti e fertili frutteti da un lato e le abbondanti acque del Golfo di Napoli dall’altro. La città produceva più vino, olio d’oliva e salsa di pesce di quanto potesse consumare ed esportava i suoi prodotti gastronomici in tutta Italia. Tutto, dagli splendidi mosaici delle ville dei ricchi ai resti trovati negli scoli della cucina, rivela ciò che il popolo di Pompei ha mangiato e bevuto.

L’ultima cena di Pompei, mostra aperta dal 25 luglio prossimo al 12 gennaio 2020 al Museo di Arte e archeologia di Oxford, introduce ed esplora questa antica storia d’amore romana con il cibo (e il vino), mostrando dove i Romani hanno tratto ispirazione e come hanno esportato ingredienti e ricette sofisticati in tutto l’impero, fino alla Gran Bretagna. Molti dei 300 oggetti, in prestito da Pompei e Napoli, non hanno mai lasciato l’Italia. Si va dagli arredi spettacolari della sala da pranzo romana al cibo reale che è stato carbonizzato mentre il vulcano è scoppiato.

Pompei, esattamente com’era nel 79 d.C., è svanita. Negli anni successivi al disastro, i sopravvissuti sono tornati per recuperare ciò che potevano e i saccheggiatori ne hanno fatti di più. Gli scavi nel XVIII secolo portarono molto alla luce, ma furono condotti senza il beneficio di tecniche moderne e le ricostruzioni di mano pesante furono di beneficio variabile. Oltre a ciò, una grandine di diversi tipi assalì nuovamente la città nei bombardamenti alleati del 1943.

La mostra evidenzia fino a che punto i romani hanno effettivamente ereditato le loro idee culinarie “romane” da altre culture. Proprio come l’impero assorbiva la terra attraverso il Mediterraneo, così i romani erano voraci ed entusiasti consumatori di costumi e tradizioni, integrando con successo le pratiche e i prodotti alimentari dei popoli conquistati. L’uso del cibo nella religione era chiaramente influenzato dai greci, dagli etruschi e da altri popoli italiani. Recenti scoperte appena fuori dalla città di Pompei, nel santuario di Fondo Iozzino (VI-I secolo aC), hanno rivelato la presenza di Etruschi che si stabilirono lontano dalla loro patria settentrionale italiana a sud di Pompei. Nell’adorazione dei loro dei, gli Etruschi facevano offerte di cibo e vino e lasciavano ogni immaginabile pezzo di cucina e attrezzatura da tavolo nelle tombe. Sulle loro casse di sepoltura si dipingevano come banchettanti sdraiati, cenando bene nell’aldilà. Da più a sud, nella città greca di Paestum, vengono dipinti dei pannelli tombali, decorati con immagini di cibi e bevande; e anche offerte di cibo in terracotta artificiale tra cui melograni, uva, fichi, mandorle, formaggi e pane focacciante. A Pompei, preservata dall’eruzione, troviamo i resti del cibo offerto ai Lari (dei domestici): noci, frutta, uova e ossa di animali. Le offerte private agli dei e il banchetto con i morti erano pratiche che erano state intessute nella vita quotidiana.

Oltre a questa ricca eredità, la fertile ubicazione della città e dei suoi dintorni ha premiato Pompei con abbondanti prodotti. C’erano circa ottanta fattorie e vigneti intorno alla città, tra cui diversi a Oplontis e dintorni, a nord della città, anch’essi sepolti dall’eruzione del 79 d.C. Oltre alla sontuosa Villa di Poppea (la seconda moglie di Nerone), un altro stabilimento, Villa B, funzionava come un grande emporio per cibo e bevande, dove letteralmente una tonnellata di melograni e migliaia di anfore sono state scoperte, capovolta per la raccolta dell’anno. Inoltre, ben il venti per cento di Pompei era coltivato in orti e piccoli vigneti, molti dei quali servivano i numerosi bar e ristoranti della città: tabernae, cauponae e popeline in ordine decrescente di rispettabilità. L’Ashmolean’s Conservation Department ha analizzato un gruppo di pentole e padelle da una di queste taverne, rivelando il funzionamento quotidiano di un “pub”. Stabilimenti come questi servivano cittadini di Pompei a tutti i livelli, ma forse soprattutto quelli le cui case modeste offrivano poco spazio per la preparazione del cibo.

Nelle case dei pompeiani più abbienti, troviamo alcune delle immagini più interessanti e durature del banchetto romano, in particolare il triclinium o la sala da pranzo dalla “stanza dei tre divani” greca. Questo spazio, più di ogni altro, mostra il debito che la cultura romana doveva alla Grecia, dal nome e alle decorazioni del triclinium, al cibo e al vino serviti in essa, alla famosa abitudine di reclinare per mangiare. La mostra ricrea l’atmosfera di una sala da pranzo pompeiana con gli affreschi di una delle case più grandiose della città (la Casa del braccialetto d’oro); bellissimi mosaici dai pavimenti in triclinium; stoviglie d’argento; ed elaborati complementi d’arredo come la statua a quattro piedi di Apollo fatta per portare un vassoio per i commensali preferiti.

Da questi salubri dintorni, la mostra procede alle cucine meno gustose. Nulla qui è mai stato toccato (né quasi mai visto) dal maestro e dalla sua famiglia. Invece, gli schiavi tenderebbero il focolare e prepareranno il cibo usando una serie di recipienti e utensili che sono familiari ai cuochi moderni. Fornelli, scolapasta, stampi a forma di animali, vassoi da forno, pestelli e forni portatili per la cottura all’aperto sono stati tutti scavati dalle cucine di Pompei. In una grande casa gli schiavi avrebbero avuto accesso a una rete idrica, ma anche nelle case più ricche, la cucina era un posto piccolo, buio e molto sporco. La posizione della latrina domestica, spesso proprio in cucina, è sorprendente per le sensibilità moderne. Ricerche recenti e scavi di depositi di latrine hanno tuttavia portato alla luce dettagli affascinanti sull’antica dieta romana. Tra i reperti vi sono la mascella di un ghiro e le ossa di un uccello canoro – scelte di menu di lusso che potrebbero essere venute meno alle leggi romane. Altri resti carbonizzati rivelano una dieta mediterranea che viene ancora consumata oggi: olive, noci e legumi, frutta e frutti di mare.

Ingredienti saporiti come questi iniziarono a farsi strada in Britannia dopo l’invasione da parte dell’imperatore Claudio nel 43 d.C. I depositi bruciati della rivolta di Boudiccan (60-1 d.C.) mostrano la sorprendente estensione delle importazioni culinarie dal continente e dalle regioni lontane dell’impero tra cui olive, date dal vicino oriente e pepe dall’India. Un’intera gamma di nuove piante e persino di animali furono portati in Britannia – tutto da ciliegie, cavoli, carote ai conigli. Il pesce e la famosa salsa di pesce o garum erano entrambi importati dal sud della Francia e persino dal Nord Africa. Il vino è stato acquistato da Francia, Italia e Germania, ma la bevanda più popolare è stata la birra e nuovi reperti della Londra romana mostrano un’industria della birra prospera solo dieci anni dopo Boudicca, con record di birrai, bottai e proprietari di pub. I britannici più ricchi scelgono di seguire le abitudini culinarie romane, sdraiati in sale da pranzo con pareti affrescate, pavimenti a mosaico e mobili raffinati. Sotto l’impero, il cibo in Gran Bretagna ha avuto un ruolo importante nella religione e nella morte. Alcuni importanti reperti sono stati fatti a Chester, dove le lapidi mostrano i defunti come banchettanti sdraiati. Un esempio particolarmente bello è la lapide di una donna chiamata Dinysia (che prende il nome da Dioniso) che si mostra rilassata su un divano, bicchiere di vino in mano come se brindasse ai suoi dolenti.

La mostra si chiude ricordandoci che i commensali di Pompei erano in prestito. La storia finale è quella dell’ormai famosa “Resin Lady” di Oplontis. Era quasi certamente un membro della famiglia che possedeva il grande emporio. Avrebbe pranzato nei bei appartamenti sopra il magazzino e avrebbe sperato, dopo aver vissuto una lunga vita, di passare l’aldilà con i propri cari circondati dall’attrezzatura di un banchetto. Invece, è stata trovata tra 60 persone che si erano rifugiate in uno dei magazzini. A giudicare dalle loro proprietà, comprendevano sia i proprietari che gli schiavi e gli operai agricoli impiegati. La “signora” aveva con i suoi gioielli in oro e argento, una serie di perline (forse un ricordo) e la chiave di una porta. Sperava di tornare a casa, ma non lo fece mai.

La mostra è supportata da: Intesa Sanpaolo e con supporto aggiuntivo da: La Ruddock Foundation for the Arts, The William Delafield Charitable Trust, The Stockman Family Foundation, Patrons dell’Ashmolean e altri generosi donatori

La mostra è organizzata in collaborazione con:
Il Ministero dei Beni e delle Attivita Culturali e del Turismo, Italia, Parco Archeologico di Pompei, Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Parco Archeologico di Paestum

Leggi Anche

Francia, costretti a dimettersi per aver pubblicato foto di caccia in Africa

Se un tempo uccidere fauna selvatica e mostrare pubblicamente le foto dei propri trofei di …